Klaus Qemal

Scapola alata: cause e soluzioni

Sintomi

Dolore lieve
Dolore acuto
Bruciore
Stilettata
Sensazione di calore
Rigidità
Mancanza di forza
Tensione

Quali sono le cause della scapola alata e cosa puoi fare da subito per migliorare questa situazione. Questo articolo ti servirà sia per capire di che cosa si tratta sia ovviamente per capire cosa devi fare da subito per migliorarla.

Che cos’è la scapola alata

La scapola alata è una situazione in cui vi è una modifica dal punto di vista della posizione della scapola. In una situazione normale e da manuale infatti, quest’osso deve aderire al dorso. Nel caso della scapola alata, questa è come “allontanata” dal dorso, soprattutto in corrispondenza del margine interno e l’angolo inferiore. Prende così una conformazione che ricorda un’ala di un uccello.

È un’alterazione anatomica e non una patologia. Si può quindi benissimo vivere avendo le scapole alate senza mai avere dolore o fastidio, circoscrivendo il problema al solo fattore estetico.

Scapole alate cause e soluzioni

Tengo a specificare che avere la scapola alata non significa avere una patologia.
Si tratta di una differenza anatomica o posturale e questo non deve preoccuparti. Se invece la scapola alata ti causa dolore, fastidio o problemi alla spalla, in questo articolo scopriremo insieme cosa fare e come farlo per migliorare il problema.

Analizziamo ora quali sono le cause della scapola alata. Cosa potrebbe comportare questa situazione? Qual è la relazione tra la scapola alata e postura? E soprattutto cosa devi fare per risolvere questo problema? Sia che si tratti solo una questione di estetica, di dolore o entrambe.

Cause della scapola alata e correlazioni con la postura

A ben vedere, è quasi impossibile dividere la scapola alata dalle cause posturali. Non perché la postura sia l’unica causa di questo problema ma perché in molti casi le due cose vanno di pari passo.

Non esiste una postura perfetta da tenere durante la giornata. Nessuna postura perfetta ti aiuterà a risolvere i tuoi problemi.

Gli ultimi studi scientifici dimostrano come la maggior parte delle cose che sapevamo sulla postura ora valgono molto meno. Quello che è importante nella modifica della postura è un continuo cambiamento di essa. In passato si pensava che la cosa migliore fosse il mantenimento di una singola posizione ritenuta ideale.

In ogni caso, una delle cause della scapola alata potrebbe essere un dorso curvo o la scoliosi della colonna vertebrale. Problematiche cioè che vanno ad accentuare le curve fisiologiche della colonna e fanno sì che la scapola non sia più adesa a torace.

Un’altra causa potrebbe essere una debolezza muscolare del trapezio inferiore, romboidi e del dentato anteriore. Anche in questo caso, se analizziamo bene, possiamo trovare sempre un collegamento con la postura.

Per risolvere questo problema bisognerebbe fare degli esercizi posturali come quelli che trovi nel videocorso “Postura Spalle Passo Dopo Passo”. Questi esercizi sono volti al recupero di una giusta curvatura della colonna, sempre se si tratta di problematiche posturali e non strutturali.

Oltre agli esercizi specifici per la colonna bisognerebbe fare degli esercizi che vanno a rinforzare i muscoli che hanno il compito di tenere la scapola “in sede” e allungare quelli che tendono ad “alarla”.

Prendiamo l’esempio di una persona che lavora sempre seduta alla scrivania con le scapole distanti l’una dall’altra e il dorso curvo. Di per sé, questa non è una posizione sbagliata o scorretta, ma lo diventa quando viene mantenuta per troppo tempo!

Scapole alate

Se questa persona rimanesse così per molte ore e per molti giorni, potrebbe sviluppare una rigidità dei muscoli anteriori come i pettorali. Tra questi soprattutto il piccolo pettorale, e una debolezza dei muscoli posteriori, in quanto il dorso e la scapola si ritroverebbero a non lavorare.

In questo caso, oltre a sentire affaticamento, senso di bruciore e dolore, potrebbe insorgere il problema della scapola alata.

Il problema potrebbe essere risolto con degli esercizi di rieducazione posturale. Tra questi esercizi di riattivazione dei muscoli e rinforzo della muscolatura delle scapole e del dorso.
Alcuni esercizi li troverai alla fine di questo articolo. Per capire meglio anche il perché degli esercizi e come svolgerli con parsimonia segui con attenzione l’articolo.

A prescindere dalla causa in alcune occasioni la scapola alata potrebbe compromettere la giusta funzionalità dell’articolazione della spalla. Partiamo dal fatto che la scapola deve seguire la spalla nei suoi movimenti, più nello specifico deve seguire l’omero (l’osso del braccio).

In alcune occasioni di scapola alata si compromette i movimenti e quindi si potrebbe avere dolore alla spalla che col tempo potrebbe portare a sofferenza della cuffia dei rotatori.

Ovviamente scapola alata non è sinonimo di dolore o problemi però lo scopo di questo articolo è quello di valutare tutte le opzioni e guidarti verso la soluzione migliore per ognuna.

Che cosa puoi fare

Che si tratti di un problema estetico, di dolore o entrambi le soluzioni da attuare sono simili. I muscoli e le articolazioni che diventeranno il nostro cantiere di lavoro sono sempre gli stessi. Cambia solo l’intensità e la quantità di esercizi dalla quale devi partire.

La strada maestra per risolvere questo problema è quella di avere un programma di esercizi che vada a colpire le zone di cui abbiamo parlato.

Cosa fare se si tratta di un problema posturale:

  • Non esiste una postura perfetta! Il nostro corpo non è fatto per poter stare fermo per ore nella stessa posizione, altrimenti non avremmo così tante articolazioni! Inostri antenati infatti per millenni hanno cacciato e si sono mossi per tutto il giorno. Così il nostro corpo, durante l’evoluzione si è adattato a queste attività, non a stare tutto il giorno al computer.
    Il consiglio migliore che puoi ricevere, basato sugli ultimi studi scientifici è quello di cercare di cambiare postura il più spesso possibile;
  • Se fai dell’attività fisica, almeno due volte alla settimana devi anche allenare i muscoli che non si vedono. Si tratta cioè per esempio di tutti i muscoli posteriori della colonna, quindi quelli responsabili della stabilità e dei movimenti della scapola, questo perché se stiamo sempre piegati in avanti e lavoriamo sempre con la schiena curva, andiamo a indebolire quella parte, quindi potremmo anche avere delle contratture muscolari fastidiose se chiediamo troppo a questi muscoli deboli;
  • Svolgi gli esercizi con buonsenso e soprattutto se riesci a farli senza dolore o fastidio, mantieni una routine e vedrai che la tua situazione cambierà in meglio.

Cosa fare se si tratta di una debolezza muscolare:

  • Allenare i muscoli scapolari come i muscoli romboidi e il trapezio, nello specifico il trapezio medio e inferiori e infine allungare i muscoli anteriori e nello specifico il piccolo pettorale.
  • Siccome abbiamo detto che scindere la scapola alata dalla postura è quasi impossibile un programma di riabilitazione che vada a colpire sia la postura che la scapola con degli esercizi posturali e specifici è la soluzione migliore che si possa avere!

Ricapitolando tutto quindi:

  • La scapola alata non di per sé non è una patologia ma è una differenza anatomica e che in moltissimi casi è solo un problema estetico e non di dolore.
  • Per poterla risolvere la strada maestra è quella dell’esercizio posturale che ti permetterà di migliorare la postura della colonna vertebrale e di rinforzare i muscoli che tengono in sede la scapola.

Ti starai chiedendo: “Quindi quali sono gli esercizi da fare?”
Naturalmente gli esercizi da fare sono tanti e per questo abbiamo creato un videocorso che ti guida passo dopo a migliorare la scapola alata e la postura delle spalla e dorso in toto.
Qua sotto vediamo tre esercizi cardine come quelli che trovi all’interno del corso completo per iniziare a colpire i muscoli e articolazioni interessate.

Inizia subito con questi esercizi ricordati che per avere un programma completo che tenga conto dei tuoi acciacchi e con esercizi che si adattano alla tua situazione ti basta cliccare QUI!

Partiamo con gli esercizi:

  • Esercizio di mobilizzazione della colonna dorsale, esegui questo esercizio per 2 serie da 12-15 ripetizioni seguendo bene le indicazioni del video.

  • Esercizio di rinforzo della muscolatura scapolare, esegui tre serie da 8-12 ripetizioni seguendo bene le indicazioni che ti vengono dati nel video.

  • Infine per chiudere il cerchio ed andare ad agire su tutte le componenti che abbiamo detto prima (colonna, rinforzo e stretching) andiamo a fare un esercizio di stretching del piccolo pettorale. Esegui 2 serie da 5 ripetizioni per lato tenendo la posizione per 20-30 secondi.

Navigazione rapida
    Add a header to begin generating the table of contents

    Esercizi correlati a questo articolo

    Prova a seguire questi esercizi per ottenere il massimo per la tua salute.

    Difficoltà

    media
    No data was found

    Vuoi dire la tua? Lascia un commento a questo articolo compilando il modulo qui sotto.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    RICEVI ESERCIZI E GUIDE

    Iscriviti per ricevere gli esercizi da fare comodamente a casa tua, le nostre guide, video-guide, corsi e articoli sulla fisioterapia. Tutte le pratiche online da noi consigliate sono riconosciute dal Ministero Della Salute. Odiamo lo spam tanto quanto te, per cui non lo riceverai.

    Articoli che potrebbero interessarti

    Se hai trovato questa pagina interessante, prova a leggere uno di questi articoli!

    Dolore all’osso sacro e sacro-iliaco: come diminuire i sintomi

    Febbraio 11, 2021
    Sintomi trattati: Dolore lieve, Dolore acuto, Zoppia, Gonfiore, Bruciore, Stilettata , Sensazione di calore, Sensazione di instabilità, Rigidità

    Diminuisci da subito la tensione muscolare da stress

    Gennaio 18, 2021
    Sintomi trattati: Dolore lieve, Dolore acuto, Bruciore, Rigidità , Stress, Ansia, Dolore cronico, Tensione

    Consulenza fisioterapica online o dal vivo? Qual è meglio?

    Gennaio 10, 2021
    Sintomi trattati: Dolore lieve, Dolore acuto, Zoppia, Gonfiore, Bruciore, Stilettata , Sensazione di calore, Sensazione di instabilità, Rigidità , Capogiri, Stress, Ansia, Mancanza di forza, Formicolio, Mancanza di equilibrio, Dolore cronico, Nausea, Mancanza di sensibilità, Tensione

    Combatti il colpo della strega nel migliore dei modi

    Gennaio 2, 2021
    Sintomi trattati: Dolore lieve, Dolore acuto, Bruciore, Stilettata , Sensazione di calore, Rigidità , Stress, Tensione

    Tendinopatia della cuffia dei rotatori: soluzioni ed esercizi

    Dicembre 28, 2020
    Sintomi trattati: Dolore lieve, Dolore acuto, Bruciore, Stilettata , Sensazione di calore, Sensazione di instabilità, Rigidità , Stress, Dolore cronico, Tensione

    Dolore alle caviglie: la guida completa di Fisiosocial

    Dicembre 26, 2020
    Sintomi trattati: Dolore lieve, Dolore acuto, Zoppia, Gonfiore, Bruciore, Stilettata , Sensazione di calore, Sensazione di instabilità, Rigidità , Dolore cronico, Tensione
    RICHIEDI UNA

    Siamo Fisiosocial, tra i primi in italia ad applicare la scienza della tele-medicina al mondo della Fisioterapia.

    Invia la tua candidatura per una consulenza online.