Francesco Lanzini

Consulenza fisioterapica online o dal vivo? Qual è meglio?

Sintomi

Dolore lieve
Dolore acuto
Zoppia
Gonfiore
Bruciore
Stilettata
Sensazione di calore
Sensazione di instabilità
Rigidità
Capogiri
Stress
Ansia
Mancanza di forza
Formicolio
Mancanza di equilibrio
Dolore cronico
Nausea
Mancanza di sensibilità
Tensione

Tramite la consulenza fisioterapica online abbiamo risolto problematiche che dal vivo i pazienti non erano riusciti a risolvere. Ecco perchè.

Può sembrare strano vero? Io e Klaus nel corso degli ultimi tre anni, e ancora di più durante i mesi di lockdown, abbiamo risolto svariati casi di mal di schiena, mal di collo e dolori articolari tramite consulenza fisioterapica online. Questi pazienti tramite la fisioterapia dal vivo (molto spesso) non erano riusciti ad ottenere granchè. 

Questa particolare situazione non è da riscontrare in seguito a degli errori di singoli professionisti.

Il problema è un generale sistema di credenze scorretto che si è venuto a creare in ambito di dolori muscoloscheletrici.

Prenditi del tempo per leggere quanto segue, questo è forse l’articolo più importante che abbia scritto. Se lo leggerai fino in fondo capirai per quale motivo con il nostro approccio siamo in grado di risolvere un grande numero di dolori muscolo-scheletrici che non si riescono ad eliminare con altri metodi.

Premessa

Se hai dieci minuti da dedicarmi/dedicare a questo articolo mi piacerebbe farti comprendere quale sia il principio terapeutico, con il quale ci approcciamo con successo alle problematiche muscolo-scheletriche che interessano i nostri pazienti.

Prima una premessa doverosa. Va detto che, a livello teorico, tutto ciò che si può fare tramite consulenza fisioterapica online può essere fatto anche dal vivo.

Il problema è che molto spesso l’approccio usato dal vivo non è il più risolutivo a lungo termine. 

Se vai da un fisioterapista per un problema come un dolore alla schiena e lui utilizza un approccio basato su esercizi specifici, creando per te un programma con indicata la giusta frequenza ed intensità per ogni esercizio, probabilmente otterrai lo stesso risultato che otterresti con il nostro metodo.

Ebbene in questi anni di esperienza abbiamo riscontrato che nella maggior parte dei casi questo purtroppo NON avviene.

Come mai molte volte con la fisioterapia dal vivo non si riesce a risolvere il problema?

Nella maggior parte dei casi in cui è presente mal di schiena o di collo per esempio, gli esercizi terapeutici che usiamo nella consulenza fisioterapica online sono lo strumento più fortemente supportato da studi scientifici per liberarsi del problema. Per quale motivo allora molte volte la consulenza fisioterapica dal vivo o i vari presidi terapeutici in commercio non sono risolutivi?

Quali problemi possono insorgere nella risoluzione del problema tramite metodiche diverse dagli esercizi?

Noi di Fisiosocial partiamo dall’analisi  di ogni singolo caso: il trascorso clinico, gli esami strumentali (come risonanze, tac, ecografie, lastre…) e successivamente costruiamo un programma di esercizi, consigli e strategie specifiche per ognuno.

Se fosse così semplice non basterebbe fare dal vivo quello che noi facciamo a distanza?

Il sistema di credenze scorretto in ambito di dolori muscoloscheletrici

Io e Klaus ci troviamo d’accordo con la maggior parte dei fisioterapisti e con le raccomandazioni dei massimi esperti internazionali sul fatto che gli esercizi terapeutici siano il cuore della fisioterapia.

In molti casi però, capita che per diversi motivi gli esercizi vengano sostituiti nella pratica clinica da massaggi, terapie manuali, tecar, laser, ultrasuoni e così via… Questo come ho detto avviene per un sistema di credenze scorretto che si è creato sia nei pazienti che in alcuni professionisti sanitari.

Quelle che sono le indicazioni contenute nelle linee guida internazionali sui problemi muscoloscheletrici infatti, sono quelle che (purtroppo) meno vengono proposte.

I motivi per cui questo avviene sono vari e a tratti possono sembrare tanto sconfortanti, quanto veri, ossia: per prima cosa gli esercizi non sono terapie particolarmente costose per il paziente e quindi nemmeno redditizie per lo studio che le propone.

Un secondo motivo riguarda l’obiettivo che molto spesso ricercano i pazienti, ovvero una cura veloce e poco faticosa a problemi cronici. 

Per lo sguardo inesperto del paziente è facile che risulti più semplice e piacevole ricevere una manipolazione da parte del terapista, un bel massaggio insomma, che risolva di fatto il problema senza troppa fatica.

Un approccio molto più semplice che non richiede né coinvolgimento in prima persona del paziente né costanza e impegno nello svolgimento di esercizi.

Gli esercizi infatti vengono percepiti come “meno piacevoli” rispetto ad un massaggio.

I troppi presidi terapeutici in commercio fanno perdere di vista la soluzione più semplice ma più efficace

In fisioterapia/ortopedia inoltre, molto più che per altre discipline mediche, esistono moltissime terapie o presidi diversi. L’invenzione di nuovi presidi per far passare il mal di schiena è quasi all’ordine del giorno: il cuscino da mettere tra le gambe, il materasso che si adatta al tuo corpo, la pistola massaggiatrice, il massaggiatore del collo, il cerotto riscaldante, il cerotto colorato, il massaggio normale, il massaggio olistico, la pomata, l’infiltrazione rivitalizzante e potrei andare avanti scrivendo un elenco lungo quanto questo articolo solo per le terapie per i dolori muscolo-scheletrici.

Fisiosocial vanta ormai un pubblico di 20 mila utenti tra i vari social, ci è quindi capitato spesso di ricevere offerte di sponsorizzazione da parte di aziende produttrici dei prodotti sopracitati, addirittura una volta ci è stata proposta una sedia!

Oggetti curiosi a parte, non intendo definire questi prodotti inutili, ma credo semplicemente che dovrebbero essere proposti per quello che sono. Si tratta nella maggior parte dei casi di presidi utili per l’ergonomia e la postura, non per la riabilitazione.

Nonostante diventare i nuovi Mastrota della fisioterapia sarebbe potuto essere redditizio dal punto di vista economico, tuttavia noi abbiamo rifiutato.

La maggior parte di questi presidi infatti possono alleviare i sintomi solo temporaneamente e/o parzialmente. Non sono però in assoluto soluzioni durature che mai potranno sostituire gli esercizi.

Inoltre alcuni di questi presidi non hanno alcuna letteratura scientifica a supporto della loro efficacia. In medicina quello che non è provato scientificamente non deve essere preso in considerazione.

La nostra opinione, supportata dalla scienza, è che per risolvere un determinato problema muscolo-scheletrico serva agire sulla causa. Serve quindi lavorare sulla debolezza muscolare, sulla rigidità o sul singolo squilibrio muscolare. Queste operazioni non possono essere fatte con nessun presidio, ma solo con gli esercizi.

In natura le risorse più semplici sono le più utili

Ogni giorno vengono scoperte nuove risorse, terapie e macchinari per mantenerci sani, belli e giovani. Niente però può sostituire le abitudini semplici e corrette che sono la maggiore fonte del nostro benessere.

Una dieta sana, l’esercizio fisico o terapeutico, e lo staccare dallo stress, sono tre componenti della nostra vita che non sono sostituibili da nessun presidio costoso o ringiovanente.

Gli strumenti più semplici e naturali che abbiamo infatti sono spesso indiscutibilmente i più utili.

Per usare una metafora

In altri ambiti medici una determinata situazione clinica può avere solo due tipi di riscontri. Quindi una situazione può essere vista come bianca o nera.

Parlando di una problematica cardiologica per esempio (insegna mio padre cardiologo), le situazioni sono spesso di più facile lettura.

Parlando di fisioterapia o ortopedia invece, un singolo problema viene visto, per riferirci ancora alla nostra metafora, su una scala di grigi. per ogni problematica.

A seconda che la osservi un ortopedico, un fisioterapista, un osteopata, un massaggiatore, un chiropratico o un farmacista è possibile che rispetto ad una determinata situazione, 3 professionisti diano 3 indicazioni diverse.

La tipologia di grigio o di opinione clinica cambia non solo a seconda del tipo di professionista che la esprime, ma anche dalla specifica formazione del fisioterapista o dell’ortopedico che prende in analisi il problema.

Come ci orientiamo in questo labirinto di terapie per i problemi muscolo-scheletrici

Per fortuna esiste una via maestra per capire come uscire dalla maggior parte delle problematiche muscoloscheletriche. Una via che non è sindacabile e che tante volte (non sempre) può permettere di affermare cosa sia giusto e cosa sia sbagliato. Questa via è quella delle linee guida scientifiche. La scienza infatti è in grado di dirci quali terapie funzionino davvero, quali non funzionino, quali funzionino a lungo termine e quali funzionino solo per qualche giorno.

Le linee guida scientifiche dicono che gli esercizi terapeutici sono l’arma più forte che abbiamo in possesso per liberarci di questi problemi. Il vantaggio è anche dato dal fatto che per un problema cronico moltissime volte serve una soluzione cronica! Cosa significa? Se ho il mal di schiena da 5 anni sarà molto difficile che si trovi una terapia che lo faccia passare subito. Triste ma vero. Tutti però cercheranno di farti credere che ci sia una terapia magica che lo fa passare con poche sedute.

Si tratta anche in questo caso di scelte, preferire terapie non risolutive da ripetere ogni mese come i massaggi, i cerotti, gli antidolorifici oppure scegliere di seguire un percorso di esercizi terapeutici assegnati post-consulenza fisioterapica online con un’alta percentuale di successo nella risoluzione del problema.

Come ci orientiamo in questo labirinto di terapie per i problemi muscolo-scheletrici

Come agire in quei casi in cui la problematica valutata da due professionisti diversi, come un fisioterapista o un ortopedico, generi due pareri diversi? Anche in questo caso la scelta dipenderà dal paziente, basandosi sulla fiducia che si ripone nel professionista. 

In questi casi quindi ci si deve affidare un po’ all’istinto e alla fortuna, il mio consiglio per le situazioni un po’ più gravi è di sentire più di un parere quando possibile. Un altro consiglio è scegliere un professionista che si sa essere specializzato in un determinato ambito (es: esperto di dolori muscolo-scheletrici, esperto della spalla, esperto del collo ecc..)

Cosa non devo fare se soffro di problemi muscolo-scheletrici

Se soffri di un problema muscolo-scheletrico acuto, cioè che è presente da meno di sei mesi puoi tranquillamente provare degli esercizi terapeutici o terapie come i massaggi o la tecar, è probabile che alcune di queste riusciranno a rimetterti in sesto.

Se invece soffri di un problema cronico, ossia che dura da più di sei mesi, il mio consiglio è quello di evitare se possibile i massaggi, la tecar e le infiltrazioni poiché non risolveranno la problematica in modo duraturo, ma daranno semplicemente un sollievo temporaneo.

In questi casi la scienza dice che per liberarti del problema devi seguire con costanza un programma di esercizi terapeutici , consigli e strategie adatti per il tuo caso.

Se sei arrivato a leggere fino a qui ti ringrazio per l’attenzione. Spero che l’articolo ti sia stato utile. Fammi sapere la tua opinione nei commenti o ad info@fisiosocial.it.

Se vuoi scoprire maggiori info e sulla nostra consulenza fisioterapica online fai click a questo link.

Navigazione rapida
    Add a header to begin generating the table of contents

    Esercizi correlati a questo articolo

    Prova a seguire questi esercizi per ottenere il massimo per la tua salute.

    Difficoltà

    media

    Ileopsoas: Routine di stretching per uno psoas in salute

    In questo video ti spiego l’importanza del muscolo ileopsoas e le problematiche nelle quali è coinvolto. Inoltre ti spiego come svolgere alcuni esercizi che ti aiutano a mantenerlo in salute e migliorare gli acciacchi nei quali è coinvolto.

    Vuoi dire la tua? Lascia un commento a questo articolo compilando il modulo qui sotto.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    RICEVI ESERCIZI E GUIDE

    Iscriviti per ricevere gli esercizi da fare comodamente a casa tua, le nostre guide, video-guide, corsi e articoli sulla fisioterapia. Tutte le pratiche online da noi consigliate sono riconosciute dal Ministero Della Salute. Odiamo lo spam tanto quanto te, per cui non lo riceverai.

    Articoli che potrebbero interessarti

    Se hai trovato questa pagina interessante, prova a leggere uno di questi articoli!

    Fascite Plantare: comincia a stare meglio partendo da questo articolo

    Giugno 14, 2021
    Sintomi trattati:

    Meditazione: la grande efficacia secondo la scienza

    Maggio 31, 2021
    Sintomi trattati: Dolore lieve, Bruciore, Rigidità , Capogiri, Stress, Ansia

    Contrattura muscolare: come liberartene per davvero

    Maggio 24, 2021
    Sintomi trattati: Dolore lieve, Dolore acuto

    Mal di schiena, i 3 consigli più importanti

    Maggio 16, 2021
    Sintomi trattati: Dolore lieve, Dolore acuto, Zoppia, Bruciore, Stilettata , Rigidità , Stress

    Fibromialgia: l’ approccio di Fisiosocial

    Maggio 9, 2021
    Sintomi trattati: Dolore lieve, Dolore acuto, Zoppia, Bruciore, Stilettata , Sensazione di calore, Sensazione di instabilità, Stress, Ansia, Nausea, Tensione

    Fisioterapia a Milano? Scegli il meglio.

    Maggio 3, 2021
    Sintomi trattati: Dolore lieve, Dolore acuto, Zoppia, Gonfiore, Bruciore, Stilettata , Sensazione di calore, Sensazione di instabilità, Rigidità , Capogiri, Stress, Ansia, Mancanza di forza, Formicolio, Mancanza di equilibrio, Dolore cronico, Nausea, Mancanza di sensibilità, Tensione
    RICHIEDI UNA

    CONSULENZA

    Siamo Fisiosocial, tra i primi in italia ad applicare la scienza della tele-medicina al mondo della Fisioterapia.

    Invia la tua candidatura per una consulenza online.