Francesco Lanzini

Fibromialgia: si può combattere?

Sintomi

Dolore lieve
Dolore acuto
Zoppia
Gonfiore

Introduzione

Se stai leggendo questo articolo è probabile che tu o qualcuno che conosci abbia la fibromialgia. Il mio obiettivo in queste righe, in quanto fisioterapista che ha seguito diversi casi di pazienti affette da questa sindrome, è fare chiarezza sull’argomento.

Prima di partire se non l’hai ancora visto, ti invito a seguire il mio seminario gratuito sulla Fibromialgia a questo link: SEMINARIO “STARE BENE CON LA FIBROMIALGIA”.

La fibromialgia molto spesso viene immaginata come una problematica un po’ oscura e sconosciuta, alla quale molti professionisti faticano a porre rimedio.

Come sempre noi di Fisiosocial, approcciandoci a questa problematica ci affidiamo alla scienza. Abbiamo infatti creato il nostro PROTOCOLLO FIBROMIALGIA, condensando la nostra esperienza e le nostre conoscenze. 

Uno dei concetti fondamentali da capire riguardo questa condizione è che si tratta di una problematica cronica dalla quale non è possibile guarire. Dicendo questo non si vuole spaventare le pazienti che ne sono affette, ma guidarle nella comprensione del fatto che non essendo possibile guarire bisogna trovare il modo migliore di conviverci.

Leggi l’articolo fino alla fine. Ti spiegherò nei dettagli le caratteristiche di questa malattia e ti parlerò di come ho ottenuto ottimi risultati con le mie pazienti.

Alcune caratteristiche della fibromialgia

Spesso la fibromialgia viene descritta come una “malattia invisibile” in quanto non dà alterazioni d’organo e non ci sono esami strumentali in grado di diagnosticarla. La diagnosi infatti è solo clinica e può essere fatta dal reumatologo (ma anche da un neurologo, ortopedico o dal medico di base), andando a valutare alcune caratteristiche del dolore muscolo-scheletrico, che è il più comune sintomo dato da questa problematica.

Solo in Italia ne soffrono 2 milioni di persone di cui il 90 per cento sono donne. Sembra che l’età di insorgenza media sia tra i 12 e i 13 anni.

Tra le caratteristiche più comuni di questo quadro clinico troviamo i dolori muscolo-scheletrici, l’amplificazione degli stimoli dolorosi (iperalgesia), stanchezza cronica, formicolii, nebbia mentale, stati d’ansia o depressione.

Molto spesso le pazienti che soffrono di questa malattia sono costrette a girovagare tra diversi professionisti e sottoporsi a molteplici esami poichè frequentemente la diagnosi di fibromialgia viene fatta per esclusione. Quindi il mio consiglio se si ha il dubbio di essere affetti da questa malattia è di rivolgersi ad un medico esperto di fibromialgia, in quanto sarà più facilmente in grado di effettuare la diagnosi.

Quello che si è scoperto fino ad ora

Negli ultimi anni la ricerca scientifica in ambito di fibromialgia è esplosa. Solo nell’ultimo anno sono stati pubblicati oltre 700 studi scientifici sull’argomento. Tuttavia riguardo le cause e la modalità di diagnosi si è ancora nelle più alte.

Tra le cause più accreditate:

  • Teoria mitocondriale: uno studio spagnolo ha dimostrato la presenza di una disfunzione dei mitocondri, che sono degli organelli presenti nelle nostre cellule, a livello della cute delle persone che soffrono di fibromialgia.
  • Teoria stressogena. Si è notato che in molte pazienti affette dalla malattia l’insorgenza avvenisse dopo un periodo di forte stress.

I sintomi della fibromialgia e le tipologia di insorgenza 

La fibromialgia o sindrome fibromialgica è multifattoriale, i sistemi coinvolti cioè possono essere diversi, può esserci dunque una componente reumatica, una immunologica, una ortopedica e una neurologica. 

Non è ancora esattamente chiaro dal punto di vista scientifico quale sia la causa specifica. 

Tuttavia sembra che la causa individuata fino ad ora come più comune sia mitocondriale. 

Cosa significa?

E’ stato osservato che la causa scatenante la fibromialgia sia una forte fonte di stress, fisico o psicologico. Questo stress può causare l’incapacità da parte dei mitocondri (che sono degli organelli che si trovano all’interno delle nostre cellule), di immagazzinare ossigeno. Questo può causare i tipici sintomi della fibromialgia che son suddivisi in 4 macrogruppi:

  • Dolori muscolo-scheletrici e osteoarticolari
  • Dolori neuropatici
  • Confusione mentale
  • Stanchezza cronica
  • Disturbi del sonno.

Come convivere al meglio con la malattia

Il nostro consiglio se sei affetto da fibromialgia è quello di cercare innanzitutto di guardare la situazione dall’esterno, prendendo coscienza del fatto che molto spesso quello che si va a creare è un circolo vizioso. Quando una persona è affetta da questa problematica infatti soffre di dolori per svariati mesi e quello che può accadere è che ci sia una ripercussione sul sistema nervoso con aumento dello stress. Quando lo stress ed il malessere aumentano, è possibile che ci sia di nuovo anche un incremento della tensione muscolare e quindi dei dolori.

Per interrompere il circolo vizioso il nostro consiglio è di lavorare sia dal punto di vista muscolare che mentale. Dal punto di vista muscolare andando a rinforzare i muscoli  cercando di aumentare la circolazione a livello dei tender points e allo stesso tempo ad allungarli attraverso lo stretching. Dal punto di vista mentale attraverso esercizi di rilassamento e meditazione.

Navigazione rapida
    Add a header to begin generating the table of contents

    Vuoi dire la tua? Lascia un commento a questo articolo compilando il modulo qui sotto.

    Lascia un commento

    Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

    RICEVI ESERCIZI E GUIDE

    Iscriviti per ricevere gli esercizi da fare comodamente a casa tua, le nostre guide, video-guide, corsi e articoli sulla fisioterapia. Tutte le pratiche online da noi consigliate sono riconosciute dal Ministero Della Salute. Odiamo lo spam tanto quanto te, per cui non lo riceverai.

    Articoli che potrebbero interessarti

    Se hai trovato questa pagina interessante, prova a leggere uno di questi articoli!

    Cos’è la fibromialgia, quali sono le cause e i sintomi.

    Ottobre 6, 2022
    Sintomi trattati:

    Sintomi fibromialgia: quali sono e come conviverci

    Ottobre 5, 2022
    Sintomi trattati:

    Fibromialgia: l’ approccio di Fisiosocial

    Maggio 9, 2021
    Sintomi trattati: Dolore lieve, Dolore acuto, Zoppia, Bruciore, Stilettata , Sensazione di calore, Sensazione di instabilità, Stress, Ansia, Nausea, Tensione
    RICHIEDI UNA

    CONSULENZA

    Siamo Fisiosocial, tra i primi in italia ad applicare la scienza della tele-medicina al mondo della Fisioterapia.

    Invia la tua candidatura per una consulenza online.

    Scopri "Protocollo Fibromialgia"

    “Protocollo Fibromialgia” è il protocollo più completo che tu possa trovare per tenere sotto controllo i sintomi della fibromialgia